Nel 1982 i Chicago in testa alle classifiche: la radio suonava “Hard to Say I’m Sorry”

26 Settembre 2022

Hold me now It’s hard for me to say I’m sorry“. In molti l’avrete letta intonandola. Questo singolo dei Chicago è uno dei singoli simbolo degli Ottanta, una canzone tanto intensa quanto trasportante in una melodia che rimane facilmente in testa e un testo diretto. “Hard to Say I’m Sorry” è la canzone del ritorno in cima alle classifiche e alle programmazioni delle radio. Un successo di questo tipo mancava da “If you leave me now” di cinque anni prima. Da quel momento le loro produzioni non hanno avuto il successo precedente.

Un piano imponente e da subito riconoscibile, una melodia trasportante e la voce, quella di Peter Cetera, azzeccata per far passare il messaggio del brano: quanto sia difficile fare un passo verso l’altro quando c’è l’orgoglio di mezzo, tanto da essere “complicato chiedere scusa“. Primo in America, Canada, Italia e Irlanda, tra gli altri, il singolo è una delle canzoni più suonate sulle radio nell’autunno dell’82 insieme a canzoni del calibro di Eye of the Tiger e Who Can it Be Now.